image0

Duo Pellini – Gibellini

STEFANO PELLINI

Nato a Modena, diplomato in Organo col massimo dei voti, ha completato i percorsi formativi di II livello in Discipline Musicali (Organo) e Didattica della Musica, entrambi con lode. Perfezionatosi con L. F. Tagliavini, M. Torrent, A. Marcon, P. Westerbrink, B. Leighton, K. Schnorr, O. Mischiati, M. Imbruno, svolge un’intensa attività concertistica sia in veste di solista che in varie formazioni. Ha inaugurato restauri di importanti organi storici, nonché strumenti di nuova concezione. Ha inciso “Riverberi, 900 e oltre” per Elegia Records (giudizio “ottimo” della rivista “Musica”), e sue registrazioni sono state trasmesse dalla Radio Vaticana. Nel 2016 è uscito un CD monografico dedicato alla musica di J. S. Bach, recensito con 5 stelle e il giudizio “eccezionale”; appena uscito un CD dedicato a Händel, sempre per Elegia.

Titolare dell’organo monumentale dell’Abbazia di San Pietro di Modena, nonché dello storico organo cinquecentesco della Chiesa di S. Maria delle Assi in Modena – al quale ha dedicato il CD “Organ music around Via Aemilia” (anch’esso giudizio “ottimo” della rivista “Musica”), membro della giuria in concorsi organistici internazionali, ha tenuto circa settecento concerti in Italia e all’estero (Europa, Giappone, USA).

 

FRANCESCO GIBELLINI

Nato a Sassuolo nel 1987, si diploma con il massimo dei voti nella classe di tromba del Conservatorio di stato A. Boito di Parma. Nel 2011 consegue il Diploma Accademico di II livello di Tromba ad indirizzo solistico interpretativo presso il Conservatorio di Parma con valutazione 110 e lode. Si esibisce in Italia e all’estero con importanti formazioni orchestrali come l’orchestra del Teatro Regio di Parma e l’orchestra sinfonica dell’Emilia Romagna Arturo Toscanini, sotto la direzione di illustri maestri quali Lorin Maazel, Yuri Temirkanov, Eliahu Imbal, Daniel Oren, John Axelrod. Recentemente si è esibito come prima tromba con l’orchestra del Teatro Regio di Parma nella Forza del Destino di Giuseppe Verdi presso il Palacio Euskalduna di Bilbao (Spagna). Suona strumenti antichi come la tromba naturale (ha recentemente inciso con l’ensemble Zefiro) e il cornetto. Parallelamente all’approfondimento del repertorio barocco e medievale, la sua curiosità e

duttilità lo hanno condotto alla costruzione stessa di strumenti musicali medievali e rinascimentali basandosi sulle fonti iconografiche dell’epoca (ha aperto nel 2014 la ditta di costruzione strumenti ‘Antiqui Instromenti’). Suona in duo con gli organisti Stefano Manfredini, Stefano Pellini e Marco Ruggeri, con i quali esegue tre diversi repertori specialistici e virtuosistici e si esibisce in molte città italiane in rassegne musicali di pregio.

           

Indietro

Sessioni